Daniele Stricagnoli

In assenza di prova scritta, il rapporto di lavoro si presume full-time

pexels mat brown 552598 scaled

Il part-time è una formula spesso utilizzata per conciliare tempi di vita e di lavoro. La finalità del part-time è resa evidente dalla circostanza per cui la legge impone al datore di lavoro di precisare in forma scritta la durata della prestazione lavorativa e la collocazione temporale della stessa, con riferimento al giorno, alla settimana, … Leggi tutto

Sciopero, quali limiti sono previsti?

pexels lara jameson 8898857 scaled

Il diritto di sciopero è espressamente riconosciuto dalla Costituzione, anche se quest’ultima non dà indicazioni precise a riguardo: infatti, l’art. 40 della Costituzione afferma solamente che “Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano”. Dato che, a parte quella sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, nessuna legge è stata mai emanata … Leggi tutto

Demansionamento, chi deve fornire la prova?

pexels andrea piacquadio 3808818 scaled

Nella scelta delle mansioni cui deve essere adibito il lavoratore, il datore di lavoro è soggetto a determinati obblighi. In linea di principio, il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o, al limite, a mansioni riconducibili allo stesso livello professionale. Il lavoratore potrà poi essere liberamente adibito a mansioni … Leggi tutto

Il lavoratore disabile può ottenere l’assunzione con sentenza

pexels rollz international 19881857 scaled

Ai sensi dell’art. 2932 del codice civile, se un soggetto, obbligato a concludere un contratto, non adempie al proprio obbligo, la controparte contrattuale può ottenere una sentenza che produca gli effetti del contratto non concluso. Tale disposizione si rapporta in modo peculiare ai contratti di lavoro e, in particolare, al tema del collocamento obbligatorio. I … Leggi tutto

La disciplina del licenziamento nullo è incostituzionale

pexels cottonbro studio 4568743 scaled

La disciplina del licenziamento illegittimo è mutata profondamente nel corso del tempo. Si è partiti dall’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, che prevedeva in un ampio spettro di casi la reintegrazione del lavoratore; si è passati poi attraverso la Riforma Fornero (Legge 92/2012), che ha distinto i casi in cui si applica la tutela reintegratoria … Leggi tutto

Conciliazione sindacale: deve svolgersi nella sede del sindacato?

pexels photo 4342126 scaled

Il lavoratore non può rinunciare ai propri diritti derivanti da norme di legge inderogabili; ad esempio, il lavoratore non potrà rinunciare alle ferie, alla retribuzione o al risarcimento dei danni derivanti da un infortunio sul lavoro. La ragione per cui la legge considera invalide queste rinunce risiede nel fatto che il lavoratore, solitamente, è la … Leggi tutto

Licenziamento illegittimo: quale termine per la ripresa del servizio?

pexels lukas 627541 scaled

L’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori regola le conseguenze del licenziamento illegittimo per i lavoratori assunti prima del 4 marzo 2015. Le conseguenze sono diverse a seconda del tipo di vizio che caratterizza il licenziamento: in particolare, nei casi più gravi (licenziamento discriminatorio, licenziamento per causa di matrimonio, violazione dei divieti di licenziamento della lavoratrice … Leggi tutto

L’impresa familiare non include il convivente, la questione alla Corte costituzionale

pexels blue bird 7217949 scaled

L’impresa familiare è stata introdotta con la riforma del diritto di famiglia del 1975, allo scopo di tutelare il familiare che presti il proprio lavoro nella famiglia o all’interno, per l’appunto, di un’impresa di famiglia. Prima della riforma, situazioni di questo genere erano normalmente considerate rapporti di lavoro gratuito: si riteneva, infatti, che il lavoratore … Leggi tutto

Cosa si intende per giusta causa di licenziamento?

pexels karolina grabowska 8554299 scaled

Il licenziamento di un lavoratore può avvenire solo per giusta causa, giustificato motivo soggettivo o giustificato motivo oggettivo. Il significato delle espressioni “giustificato motivo soggettivo” e “giustificato motivo oggettivo” è illustrato all’art. 3 della legge n. 604/1966: il primo corrisponde a un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali; il giustificato motivo oggettivo, invece, non riguarda un … Leggi tutto

L’uso di simboli religiosi sul luogo di lavoro

pexels ono kosuki 5999918 scaled

La presenza di simboli religiosi nell’ambiente di lavoro è da tempo oggetto di discussione sia a livello nazionale che internazionale, specie quando si tratta di lavoro pubblico. In tale ambito si rende necessario, infatti, bilanciare due principi contrastanti: la laicità dello Stato e il diritto del lavoratore a esercitare la propria libertà religiosa, non solo … Leggi tutto